Applicazione dossier giudiziario

 

In futuro, gli atti giudiziari elettronici sostituiranno gli atti cartacei. Tutto ciò che è possibile fare oggi con gli atti cartacei dovrebbe poter essere fatto anche in futuro attraverso gli atti elettronici: dalla gestione a prova di revisione contabile, all'elaborazione di documenti PDF ed elementi di un atto, fino alla gestione dei compiti. Pertanto, è stato sviluppato un sistema a dimensione d”utente, per lavorare in modo efficiente con gli atti elettronici: l'applicazione dossier giudiziario (ADG).

 

Chi utilizzerà l'applicazione dossier giudiziario in futuro?

In futuro, i pubblici ministeri e i tribunali gestiranno i processi in modo digitale; gli atti elettronici costituiranno la documentazione principale delle autorità giudiziarie. L’avamprogetto della legge federale concernente la piattaforma per la comunicazione elettronica nella giustizia (LPCEG) fornisce le relative basi legali. Gli atti in formato elettronico costituiscono un prerequisito per consentire lo scambio di atti giuridici per via elettronica (SAGE) e l’esame elettronico degli stessi tramite la piattaforma sicura «Justitia.Swiss». Il progetto Justitia 4.0 è stato quindi incaricato dalle autorità giudiziarie non solo di creare la piattaforma «Justitia.Swiss», ma anche di sviluppare una soluzione tecnica per lavorare in modo efficiente e semplice con gli atti digitali: l’Applicazione dossier giudiziario (ADG). Le autorità giudiziarie sono libere di decidere se adottare questa soluzione o sviluppare una propria applicazione.

 

Interazione tra l'applicazione dossier giudiziario, l'applicazione specializzata e la piattaforma «Justitia.Swiss»

Le transazioni di base della piattaforma sono la trasmissione, la notificazione e l”esame elettronico degli atti, che avvengono tra un’autorità giudiziaria (di norma nel ruolo di direzione del procedimento) e le organizzazioni/persone coinvolte nel procedimenti (in particolare, gli avvocati). Il grafico mostra in forma semplificata l'interazione tra la piattaforma, l'applicazione dossier giudiziario e l'applicazione specializzata.

06.06.2022

Interazione dei sistemi IT

A seguito del progetto Justitia 4.0 e della digitalizzazione del sistema giudiziario svizzero, il lavoro delle parti coinvolte nei procedimenti e delle autorità giudiziarie cambierà in modo significativo. Questa animazione mostra come avverranno i singoli processi in futuro e come i sistemi IT interagiranno tra loro.

Perché abbiamo bisogno dell”applicazione dossier giudiziario?

Nel mondo cartaceo odierno, gli atti e i documenti vengono gestiti in classatori o in fascicoli. I testi nei documenti possono essere contrassegnati con un pennarello, aggiungendoci a mano note a margine e apponendovi post-it con istruzioni pratiche. Nel mondo digitale, questo problema viene risolto in modo diverso. L’applicazione dossier giudiziario deve pertanto includere, tra le altre cose, la gestione a prova di revisione contabile, l’elaborazione di documenti PDF e degli elementi di un atto, ma anche la possibilità di gestire i compiti (amministrazione e assegnazione di compiti). L”ADG non sostituirà le applicazioni specializzate esistenti e le loro diverse funzionalità, ma le integrerà.

 

Il lavoro finora svolto sull'applicazione dossier giudiziario

Per poter offrire ai futuri utenti dell'applicazione dossier giudiziario (ADG) una soluzione efficiente e orientata alle esigenze, il team del progetto Justitia 4.0 ha svolto diverse attività preliminari:

  • Analisi di quattro soluzioni esistenti
    • La «postazione di lavoro digitale della giustizia» in Austria
    • Soluzione VIS-Justiz di Baden-Württemberg
    • Progetto eDossier del Tribunale federale
    • Portale eAkten dei Tribunali di Basilea Città
  • Sviluppo di principi guida per la ADG

    I principi guida fungono da linee guida generali per la portata del progetto, le varianti di architettura, i requisiti e aiutano a creare condizioni quadro.

  • Valutazione delle esigenze della ADG

    Le autorità giudiziarie sono libere di utilizzare l’ ADG che sarà sviluppata da Justitia 4.0 o di scegliere di sviluppare autonomamente un’altra soluzione. Pertanto, nell’estate del 2021, Justitia 4.0 ha condotto un sondaggio tra le autorità giudiziarie dei Cantoni e della Confederazione. I risultati hanno permesso di scoprire esigenze e obiettivi in merito alla realizzazione della postazione di lavoro elettronica e della ADG. La maggioranza, cioè 32 di queste 56 autorità giudiziarie (57%), che dispongono del 60% (4766) delle postazioni di lavoro nel settore della giustizia, vogliono una ADG completa fornita da Justitia 4.0 senza sostituire le attuali applicazioni specialistiche. In questo modo possono sfruttare sinergie e limitare i costi; le singole autorità giudiziarie, infatti, di solito non hanno le risorse necessarie per raggiungere questo obiettivo autonomamente.

Due varianti per l’acquisizione di una ADG

Nella riunione del 25 marzo 2022, il Comitato di progetto Justitia 4.0 ha deciso di valutare approfonditamente due possibili varianti complete dell”applicazione ADG. Una variante prevede di adottare ed elvetizzare la soluzione austriaca, che è di proprietà dello Stato austriaco. Al momento è in corso uno studio di fattibilità a tal proposito. Questa variante rappresenta a una soluzione individuale, che permette di sfruttare una soluzione esistente e consolidata. Come seconda variante, si sta valutando l’approvvigionamento congiunto sul mercato tramite una gara d’appalto dell’OMC. Questa seconda variante rappresenta una soluzione commerciale.

Attualmente, ci si concentra sulla soluzione austriaca, alla quale viene data priorità. Allo stesso tempo, per l”applicazione ADG vengono redatti i documenti «Requisiti di massima funzionali» e «Requisiti non funzionali». Dopo il completamento dello studio di fattibilità (1° trimestre 2023), al Comitato di progetto verrà presentato un confronto tra la variante commerciale e l'ulteriore sviluppo della soluzione austriaca.